Product logo

Come possiamo aiutarti?

Chiedi qualsiasi cosa. Trova le risposte all'istante.

Go & GrowPanoramica di Go & GrowCaratteristicheAggiungi denaroLimiti per i versamenti su Go & Grow Preleva denaroCommissioni & tasseRischiIl mio ContoImparare a conoscere BondoraIdentificazione del contoModificare i miei datiProgramma di segnalazioneSicurezzaAggiunta di denaroCome posso aggiungere denaro al mio conto Bondora?Quali valute accetta Bondora?Perché il mio denaro è riservato sul mio conto? Quanto tempo ci vuole perché il mio versamento arrivi?Ho dimenticato di aggiungere il mio numero di riferimentoI versamenti tramite Wise non sono più supportatiI pagamenti con carta di credito e Klarna non sono più accettatiSicurezzaPrelievoCome prelevareInformazioni sul prelievoErroriIl mio portafoglioCos'è il Mercato Secondario?Costruire un PortafoglioMonitoraggio delle performancePagamento delle impostePartner affiliatiCome posso diventare un partner affiliato?Portfolio ManagerPanoramica di Portfolio ManagerFunzioni di Portfolio ManagerImpostazioni di Portfolio ManagerPortfolio ProPanoramica di Portfolio ProCriteri di Portfolio ProCaratteristiche di Portfolio Pro Su BondoraInformazioni generaliDirezione operativaGovernance aziendaleFattori di rischioRischi di credito e di investimentoRischi operativiRischi normativi, di governance e legaliProcesso di gestione del rischioConcessione del prestitoProcedura di sottoscrizioneMarketingRaccolta & recuperoPanoramica raccolta e recupero creditiPanoramica di cancellazionePanoramica del mercato finanziarioCosa c'è di importante da sapere sull'economia estone?Cosa c'è di importante da sapere sull'economia finlandese?Cosa c'è di importante da sapere sull'economia spagnola?Qual è la situazione del mercato del credito al consumo in Estonia?Qual è la situazione del mercato del credito al consumo in Finlandia?Qual è la situazione del mercato del credito al consumo in Spagna?In che modo il mercato del credito al consumo in Europa tocca Bondora?Come posso fare per contattare il Supporto Clienti?

Cosa c'è di importante da sapere sull'economia estone?

L'Estonia ha attraversato una rapida trasformazione da quando ha riconquistato l'indipendenza nel 1991 ed è attualmente uno dei Paesi più sviluppati dell'ex blocco orientale. L'Estonia ha aderito all'Unione Europea nel 2004 e ha adottato l'Euro nel 2011.

La struttura dell'economia è diversificata, con servizi che rappresentano oltre il 70% del PIL. Rispetto ad altri paesi dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), il contributo al commercio, al turismo ed al settore dei trasporti è maggiore, mentre la percentuale di altri servizi è inferiore. I maggiori contribuenti del PIL sono il settore manifatturiero, il commercio all'ingrosso ed al dettaglio e le attività legate all'edilizia ed al settore immobiliare.

L'Estonia ha forti legami economici con i paesi nordici che rappresentano la maggior parte degli investimenti diretti esteri. Essi sono anche i principali partner commerciali. I maggiori paesi di esportazione sono la Finlandia, la Svezia, la Germania, la Lettonia e la Norvegia, mentre l'importanza della Russia, che in passato occupava la terza posizione nelle esportazioni, sta diminuendo rapidamente.

Un aspetto importante da considerare è anche la vicinanza alla Finlandia, con oltre 2,4 milioni di visite dalla Finlandia all'Estonia all'anno ed un alto numero di estoni che lavorano in Finlandia, temporaneamente o permanentemente.

L'Estonia si è trasformata da un giorno all'altro per quanto riguarda la digitalizzazione del settore pubblico e finanziario. Il Paese ha un notevole cluster IT con aziende come Skype, Twilio, TransferWise, Kuehne+Nagel ed altre che hanno i loro centri di sviluppo in Estonia.

L'Estonia si colloca ai primi posti anche nel confronto internazionale per quanto riguarda la libertà economica (9° posto) e la facilità di fare affari (12° posto).

Lo sviluppo economico è stato molto rapido negli anni 2000 - 2007, trainato dall'afflusso di investimenti esteri, dall'apertura dei fondi UE, dalla crescita del reddito disponibile e dal miglioramento della disponibilità di credito, con una crescita del PIL che ha raggiunto il 10,5% nel 2006. Alla fine, questo ha portato al surriscaldamento dell'economia, all'emergere della bolla del retail ed al conseguente crollo, in linea con lo scoppio della crisi economica globale nel 2008. Di conseguenza, il PIL è diminuito del 5% nel 2008 e del 14,2% nel 2009, con una produzione industriale in calo rispettivamente del 4,6% e del 23,9%.

Dal 2010 in poi, l'economia estone si è ripresa bene dalla crisi ed in seguito ha mostrato uno sviluppo economico positivo. La crescita del PIL dal 2013, dopo un rapido adattamento iniziale, è stata moderata, con una stima dell'1,2% nel 2015 e del 2% per il 2016. Sebbene l'obiettivo a lungo termine sia quello di accelerare lo sviluppo economico e di proseguire sulla strada della convergenza verso i paesi più ricchi dell'UE (il livello di reddito in Estonia è attualmente pari al 54% della media UE), il tasso di crescita del PIL nei prossimi anni non dovrebbe superare il 2-3%.

I bassi tassi di disoccupazione e l'altissimo tasso di partecipazione della forza lavoro hanno esercitato una pressione al rialzo sui salari e sul miglioramento della competitività dell'economia. L'aumento del livello dei costi è una delle sfide principali da affrontare nei prossimi anni. Ciò vale in particolare per i settori delle esportazioni che devono affrontare la concorrenza internazionale, mentre la crescente domanda interna è andata a vantaggio del commercio al dettaglio, del settore finanziario, del settore immobiliare e di altri segmenti destinati a servire il mercato interno.

Con la crisi sanitaria globale ed il crollo economico del 2020, è probabile che le economie di tutto il mondo si contraggano. Ma, poiché Bondora è stata fondata durante la recessione del 2008, siamo fiduciosi che, nonostante la difficile congiuntura economica, Bondora continuerà ad offrire una piattaforma online sicura ed affidabile sia per i richiedenti di prestiti sia per gli investitori.


Product logo

* Capitale a rischio. Gli investimenti fatti con Bondora non sono garantiti, né lo è la conservazione del valore investito. Si noti che il rendimento ottenuto nei periodi passati non garantisce il tasso di rendimento nei periodi futuri. Il rendimento di Go & Grow è fino al 6,75% annuo. Prima di decidere di investire, consultare la nostra dichiarazione di rischio o consultare, se necessario, un consulente finanziario.