Product logo

Come possiamo aiutarti?

Chiedi qualsiasi cosa. Trova le risposte all'istante.

Go & GrowPanoramica di Go & GrowCaratteristicheAggiungi denaroLimiti per i versamenti su Go & Grow Preleva denaroCommissioni & tasseRischiIl mio ContoImparare a conoscere BondoraIdentificazione del contoModificare i miei datiProgramma di segnalazioneSicurezzaAggiunta di denaroCome posso aggiungere denaro al mio conto Bondora?Quali valute accetta Bondora?Perché il mio denaro è riservato sul mio conto? Quanto tempo ci vuole perché il mio versamento arrivi?Ho dimenticato di aggiungere il mio numero di riferimentoI versamenti tramite Wise non sono più supportatiI pagamenti con carta di credito e Klarna non sono più accettatiSicurezzaPrelievoCome prelevareInformazioni sul prelievoErroriIl mio portafoglioCos'è il Mercato Secondario?Costruire un PortafoglioMonitoraggio delle performancePagamento delle impostePartner affiliatiCome posso diventare un partner affiliato?Portfolio ManagerPanoramica di Portfolio ManagerFunzioni di Portfolio ManagerImpostazioni di Portfolio ManagerPortfolio ProPanoramica di Portfolio ProCriteri di Portfolio ProCaratteristiche di Portfolio Pro Su BondoraInformazioni generaliDirezione operativaGovernance aziendaleFattori di rischioRischi di credito e di investimentoRischi operativiRischi normativi, di governance e legaliProcesso di gestione del rischioConcessione del prestitoProcedura di sottoscrizioneMarketingRaccolta & recuperoPanoramica raccolta e recupero creditiPanoramica di cancellazionePanoramica del mercato finanziarioCosa c'è di importante da sapere sull'economia estone?Cosa c'è di importante da sapere sull'economia finlandese?Cosa c'è di importante da sapere sull'economia spagnola?Qual è la situazione del mercato del credito al consumo in Estonia?Qual è la situazione del mercato del credito al consumo in Finlandia?Qual è la situazione del mercato del credito al consumo in Spagna?In che modo il mercato del credito al consumo in Europa tocca Bondora?Come posso fare per contattare il Supporto Clienti?

Il rendimento netto può essere positivo anche se il tasso di insolvenza è superiore al tasso d'interesse?

I rendimenti netti di un portafoglio possono essere consistenti anche se il tasso di insolvenza cumulativo è uguale o addirittura superiore al tasso d'interesse nominale. Ciò è dovuto al fatto che il portafoglio in bonis continua a generare interessi e rimborsi per l'intero ciclo del prestito non solo in un singolo anno.

Su un ciclo medio di 52 mesi i crediti in bonis e parte delle sofferenze generano e pagano interessi per 52 mesi. Pertanto, nel caso in cui si volesse confrontare questo numero con il tasso di insolvenza cumulativo, allora si dovrebbe calcolare anche il tasso nominale o il tasso di insolvenza annualizzato per il periodo di 52 mesi. Nel modello di calcolo condiviso sopra abbiamo costruito i flussi di cassa per un portafoglio immaginario con un tasso di interesse nominale del 10% ed un tasso di insolvenza cumulativo del 12% per illustrarlo.

Abbiamo visto alcuni investitori costruire analisi in cui i rendimenti del portafoglio sono stati calcolati come tasso di interesse meno il tasso di insolvenza cumulativo (o la perdita cumulativa attesa). Inoltre, alcune di queste analisi sono state effettuate calcolando il reddito fiscale sul tasso di interesse nominale, anche se i crediti in sofferenza non pagano interessi e quindi non sono tassati. Tali modelli sono purtroppo, nella migliore delle ipotesi, fuorvianti per i motivi sopra esposti.

Si prega di utilizzare tutti i flussi di cassa per la costruzione dei propri modelli di valutazione del portafoglio e di applicare la tassazione solo agli interessi effettivamente pagati e non ai valori nominali.


Product logo

* Capitale a rischio. Gli investimenti fatti con Bondora non sono garantiti, né lo è la conservazione del valore investito. Si noti che il rendimento ottenuto nei periodi passati non garantisce il tasso di rendimento nei periodi futuri. Il rendimento di Go & Grow è fino al 6,75% annuo. Prima di decidere di investire, consultare la nostra dichiarazione di rischio o consultare, se necessario, un consulente finanziario.